Autore Topic: mialgie e artralgie  (Letto 11872 volte)

celine

  • Newbie
  • *
  • Post: 20
    • Mostra profilo
    • E-mail
mialgie e artralgie
« il: Maggio 05, 2010, 06:59:05 pm »
Approfitto subito del nuovo spazio. Tratto con terapia omotossipunturale una donna di 45 anni affetta da dolore ingravescente in vari distretti (mani con riscontro di rizoartrosi iniziale, colonna lombare con un episodio di sciatalgia ma senza lesioni organiche di rilievo, ginocchia in esiti di traumi ripetuti). Dopo inquadramento diagnostico ho iniziato il trattamento con Thuya Comp. + Kalmia + Coenzyme/Ubichinon su Shu - Mo - Ho di Fegato a cadenza bisettimanale. Dopo 3 - 4 sedute il dolore Ŕ pressochŔ scomparso ma la pz lamenta comparsa di insonnia relativa (si sveglia molto presto e accusa stanchezza diurna con necessitÓ di coricarsi presto la sera, contrariamente alle abitudini). Si pu˛ interpretare come tentativo di vicariazione? E' corretto modificare la terapia seguendo il sintomo (Thuya + Solidago in Shu - Mo - Ho di Rene, per esempio)? Grazie fin d'ora.

Fabio Elvio Farello

  • Newbie
  • *
  • Post: 31
    • Mostra profilo
    • E-mail
mialgie e artralgie
« Risposta #1 il: Maggio 05, 2010, 07:20:55 pm »
Cara Celine,

la tua paziente potrebbe essere entrata nella fase vagotonica che caratterizza la guarigione.
Alzarsi presto la mattina e aver sonno la sera Ŕ uno dei segni del ripristino di circardianitÓ corretta.
Tale passaggio vagotonico Ŕ fisiologico e non deve venir contrastato. La paziente in guarigione si sente stanca, deve riposare maggiormente e entra in circadianitÓ coerente  con i suoi ritmi. Non modificherei affatto il trattamento  di omotossipuntura effettuato, ma ridurrei la frequenza magari a una seduta la settimana.  Consiglia alla tua paziente  di dormire maggiormente ai ritmi richiesti. Osserva in questo constesto i suoi Campi Emozionali.

                                                                complimenti per il trattamento
                                                                                                                         Fabio Elvio Farello
« Ultima modifica: Maggio 05, 2010, 07:26:24 pm da Fabio Elvio Farello »

PRIMO MARIA LETIZIA

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 373
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:mialgie e artralgie
« Risposta #2 il: Maggio 13, 2010, 08:35:04 pm »
cara collega,  ottima terapia ! Per i ritmi circadiani potresti aggiungere per os dei granuli di antiage reg in ragione di 5 granuli al mattino e 5 alla sera .Spesso questo sintomo si verifica per disturbi neurotramettitoriali relativi per cui la paziente potrebbe anche giovarsi di terapia con S adenosil metionina + vit b12 e folati. Ottimo un prodotto da poco uscito della biocure che si chiama biosame (una compressa da masticare /die per almeno 2 mesi)
buon lavoro
Maria Letizia primo

Fabio Elvio Farello

  • Newbie
  • *
  • Post: 31
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:mialgie e artralgie
« Risposta #3 il: Maggio 14, 2010, 07:42:23 am »
Cara Maria Letizia,

mi spiace dissentire sul tuo consiglio, ma desidero chiarire il metodo di lavoro e evitare confusione.
La terapia impiegata da Celine basa su presupposti di regolazione legati alle convenzioni di valore di MTC. Il sintomi del malato  non sono  l'obiettivo diretto della terapia. 
La terapia viene  prescritta per le Orbite Funzionali integre, allocate in relazione di fase significativa.  Le Orbite Funzionali esprimenti il sintomo giÓ pagano il loro tributo alla regolazione.
Nel caso indicato poi il comportamento della paziente potrebbe essere solo la sua fase di guarigione.
La paziente dovrebbe pertanto semplicemente riposare di pi¨ e continure il trattamento indicato da Celine osservando le mudulazioni dei Campi Emozionali per le successive valutazioni.

                                                               Ciao

                                                                                               Fabio Elvio Farello

                         
« Ultima modifica: Maggio 14, 2010, 07:51:02 am da Fabio Elvio Farello »

celine

  • Newbie
  • *
  • Post: 20
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:mialgie e artralgie
« Risposta #4 il: Maggio 17, 2010, 06:02:51 pm »
Grazie a entrambi per l'attenzione. Comunque non ho cambiato lo schema, la pz sta meglio, non ha dolore e dorme 10 ore filate...beata lei!

PRIMO MARIA LETIZIA

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 373
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:mialgie e artralgie
« Risposta #5 il: Maggio 17, 2010, 08:33:24 pm »
CARO FABIO ELVIO , SE INSERIAMO LE MIALGIE IN OTTICA PNEI , UNA GIUSTA COMUNICAZIONE TRASMETTITORIALE PUO' AIUTARE LA GUARIGIONE .LA VITAMINA b12 PARTECIPA A TUTTO DIRITTO NEL RIEQUILIBRIO ORTO-PARASIMPATICO DEL CONNETTIVO .COMUNQUE LA BUONA NOTIZIA E' CHE LA PAZIENTE STA MEGLIO , CHE E' POI L'OBIETTIVO DA RAGGIUNGERE !!
BUON LAVORO
MARIA LETIZIA

vittorio.grosso

  • Newbie
  • *
  • Post: 1
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:mialgie e artralgie
« Risposta #6 il: Maggio 26, 2010, 09:27:26 am »
cari tutti,
grazie per lo spazio!!!!
Tanto per iniziare cerco di fare tutti i passi suggeriti dal maestro e vediamo di non sbagliare!!!

54 anni, donna, manager, emicrania da decenni...recente aggravamento della durata e della frequenza delle crisi...
obiettivamente grave aumento della contrattura dei trapezi e dell'elvatora scapola sia destra che sinistra.

st 36 con ventriculus
F8 con epar
v18 ( shu )
intrafasica mp9
transfasica in inibizione R8

aggiungo nelle ultime due sedite V 47 ( colera )

... speriamo!
la paziente comunque dopo tre sedute migliora e riferisce emicrania solo 2 giorni in fase premestruale

ciao vittorio
« Ultima modifica: Maggio 27, 2010, 09:48:31 am da vittorio.grosso »