Autore Topic: Risonanza col paziente  (Letto 5331 volte)

mdiliberto

  • Newbie
  • *
  • Post: 24
    • Mostra profilo
Risonanza col paziente
« il: Giugno 11, 2012, 02:29:46 pm »
Caro Fabio,
stamattina, compilando una griglia di una cara (e non a caso) paziente, mi sono resa conto che gran parte della sua storia coincide in modo impressionante con la mia. Dal momento che, ahimè, ancora io ci sto sbattendo la testa (!!!) come comportarci in una situazione del genere? Proseguiamo, o fingiamo un imprevisto a causa del quale il prossimo controllo sarà in data da stabilirsi...???
Grazie....

Fabio Elvio Farello

  • Newbie
  • *
  • Post: 31
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Risonanza col paziente
« Risposta #1 il: Giugno 11, 2012, 05:04:38 pm »
Cara Michela,

l'atto medico prevede una distanza dal paziente. La scelta consapevole o inconsapevole di curare una cara amica o i familiari o persone con conflitti biologici inerenti ai propri è in relazione con le paure del medico.
Curare in tali condizioni non risolve però i problemi del medico ne quelli del suo paziente.
Trovo importante che tu riconosca i pazienti che ti somigliano o con i quali interagisci a livello personale.
Osservare è un buon inzio, successivamente meglio includere nei trattamenti pazienti con i requisiti per essere tali.

Ciao

Fabio
« Ultima modifica: Giugno 12, 2012, 12:12:03 pm da Fabio Elvio Farello »