Autore Topic: switch patologia allergica-autoimmune  (Letto 7909 volte)

carlo

  • Newbie
  • *
  • Post: 22
    • Mostra profilo
switch patologia allergica-autoimmune
« il: Giugno 28, 2011, 12:59:36 pm »
Un caro saluto a tutti i colleghi del forum
riprendo dal vecchio post sulla tiroidite per aggiornare il caso clinico di febbraio sulla tiroidite (il pz ritornato pochi gg fà).
Da una attenta anamenesi affiora l'aspetto SWITCH DEL PZ (all'età di 20-28 anni affiorano i primi sintomi dell'allergia). Racconta di avere sofferto di allergia nel passato e un pò meno ora: rino congiuntivite allergica, prurito cavo orale, rinorrea chiara,  e vari altri sintomi tipici raramente trattati con antistaminici e cortisone;  con il trascorrere degli anni ( sempre nel periodo primavera-estate) tali sintomi comunque si presentano  ma sopportabili e attenuati . Da 4-5 anni scopre di avere (tiroidite)positività ad anticorpi TPO, Tg e ormoni tiroidei nella norma,  senza necessità di terapia (come prescritto da suo endocrinologo)  e  come descritto nel  precedente post.

Le dom che pongo sono:
1) sembra realmente una situazione di switch! Essa rientra nella  prevedibilità ?

2) nello scorso post di febb si parlava di drenaggio omotossicologico di base per matrice EXcellulare e fegato potete indirizzarmi vs una terapia visto l'epatosteatosi ?
3)trattamnto autoimmune con IFN gamma 30 Ch IL6 30 ch e IL130 ch o Anti IL1 visto che tali citochine inibiscono l'incremento dell'RNA m per la TPO indotto dal TSH (vi è ragione di usare le IL 6-12  così come consigliato sulla ns rivista di febb2010   alla 4ch) grazie per i vs contributi Carlo

malzac

  • Full Member
  • ***
  • Post: 171
    • Mostra profilo
Re:switch patologia allergica-autoimmune
« Risposta #1 il: Giugno 29, 2011, 06:27:30 pm »
e utile sapere di questa situazione di allergia perche sicurametne la tiroidite autoimmune e il risultato di un squilibrio pnei sul terreno allergico favorevole al questo tipo di situazione di vicariazione negative

e dunque necessario cercare di riequilibrare anche la situazione immuno allergica insieme alla cura specifica della tiroidite autoimmune

onestametne l'uso delle citokine a 30 ch per un indicazione di inibizione non e nelle mie abitudine terapeutiche , prima di usarle e meglio cercare di fare memorizzare il messagio terapeutico immunologico alle cellule e dopo richiamare la memoria con le alte diluizioni anche con composti in diluizioni lm

il lavoro di base della mpr si esegue con diluizioni fisiologiche dove possiamo raggionare meglio fisiopatologicamente

in questo caso sarei utile guna interleukin 4 4ch per stabilizzare la situazione di base immunoallergica che permane tipo diatese reattiva di fondo .

Giancarlo Cavallino

  • Newbie
  • *
  • Post: 34
  • Malattie Autoimmuni
    • Mostra profilo
    • STUDIO MEDICINA INTEGRATA
    • E-mail
Re:switch patologia allergica-autoimmune
« Risposta #2 il: Settembre 25, 2011, 10:12:28 pm »
Indubbiamente c'è un nesso... Riequilibrerei la bilancia Th1-Th2 usando: CITOGENEX - 1 CPS. 2 V/DIE SEMPRE DOPO I PASTI.
Dr. Giancarlo Cavallino
T:   +39.3333942207
W.  www.smige.net